• calendario interventi

    gennaio 2015
    L M M G V S D
    « dic    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Stock Photography
  • SEGUIMI SU FACEBOOK

  • Benvenuti nel mio blog!

    Ciao e benvenuto nel mio blog! I commenti sono bene accetti, ma ricorda che i commenti denigratori o con insulti nei miei confronti, con errori grammaticali, riportanti "chiacchiere da bar" o faziosi, saranno cancellati. Questo è un blog che contiene diversi tipi di informazioni e di critiche legittime, non pretendo che tutti siano d'accordo con quanto scrivo, ma posso pretendere il rispetto di quanto sopra riportato. G.E.

La Shoah ancora esiste, camuffata da “giustizia”: la vera vergogna!

Ieri si è celebrata la giorno della Memoria delle vittime della Shoah.
Un orrore di fronte al quale tutti ci scandalizziamo ancora oggi, ma che molti, ancora oggi, perpetrano chiamandolo “giustizia”!

La Shoah nacque, infatti, per ragioni meramente economiche (una piccola ricerca in rete farà capire a tutti voi la verita di queste parole, qualora non lo sappiate di vostro), fu il denaro a provocare persecuzioni e morte, la follia che, in alcune persone, il denaro provoca!

E nel 2015? Ebbene, anche nel 2015 questa forma di persecuzione viene perpetrata solo che, al giorno d’oggi, non si fa più col fucile, ma con le carte bollate e le aule di tribunale.

Una persona cade in problemi economici e non riesce a pagare una bolletta elettrica, ad esempio? Bene, iniziano le comunicazioni scritte, poi la sospensione della fornitura, la chiusura del contratto, e le procedure per il recupero del credito. Il forte, in altri termini, perseguita il debole magari per poche centinaia di euro? La sola differenza è che il forte, in questo caso non usa il fucile, come detto, ma altri mezzi, ma la violenza psicologica di tutta questa procedura è uguale a quella della Shoah!
E possiamo parlare di questo anche per le tasse, gli affitti e qualsiasi altra cosa, non solo per la corrente come nel succitato esempio.

In quest’ottica il 27 gennaio è un giorno inutile, perché non lo viviamo col cuore e non portiamo avanti gli ideali di questo giorno nel nostro vivere quotidiano.
Le violenze della Shoah, la FILOSOFIA della Shoah è ancora viva e vegeta e quella la si dovrebbe combattere giorno per giorno, insegnando ai nostri figli e a noi stessi che il denaro non è una scusa per perseguitare e rovinare la vita di nessuno!

Pensateci su.

G.E.

  • Share/Bookmark

Attenzione!! Email truffa a nome di gmail

In questi giorni girano email da parte di gmail+.
Aprendole, queste vi diranno che alcuni vostri messaggi sono stati bloccati a causa di alcuni cambiamenti da parte delle regole di gmail.

ATTENZIONE! NON CREDETECI!

Se, infatti, aprirete quelle email, verrete indirizzati ad una pagina del tutto uguale a quella dell’accesso a gmail, tuttavia, se controllate la barra dell’indirizzo, noterete che in esso non è riportato né google né gmail!

QUESTE EMAIL SONO DELLE TRUFFE!!! NON FATE L’ERRORE DI DIGITARE NELLA SUDDETTA SCHERMATA I DATI DEL VOSTRO ACCOUNT GMAIL, DARETE, CON QUESTO TRUCCO DI PHISHING, I VOSTRI DATI A QUALCUNO CHE LI USERA’ PER ALTRI SCOPI, come fregarvi i dati di altri account e via dicendo.

G.E.

  • Share/Bookmark

Isola dei famosi 2014: Luxuria “cade” sulle mutande di Siffredi.

Va beh, non è una novità che a pomeriggio 5, quando si deve sfiorare il trash, non si badi a nulla!

L’ultima geniale trovata l’ha avuta Vladimir Luxuria la quale, senza che nessuno le abbia chiesto niente, ha epsresso il dubbio del secolo: all’isola dei Famosi, Rocco Siffredi userà gli slip o i boxer?

Ma la cosa preoccupante è che quanto detto da Luxuria è…quello che molta gente pensa!

A volte mi pare d’essere tornati indietro di 60 o più anni, dove ci si scandalizzava per un corpo nudo o per alcune professioni (anche se poi…).

Non seguo i reality, ma questa cosa sparata fuori da Luxuria mi ha fatto scompisciare, quindi ho voluto condividerla ;)
G.E.

  • Share/Bookmark

Preoccupazione sul prossimo presidente della Repubblica.

Dopo le notizie sentite oggi, mi pare il minimo essere preoccupato sull’elezione del prossimo presidente della Repubblica.

Inutile dirlo, ma il mio sogno sarebbe un personaggio realmente super partes, avulso da ogni colore politico, che possa rappresentare il popolo, non i partiti come finora successo!

Poi, va beh, mi piacerebbe sapere che nome ha in mente Renzi e SICURAMENTE, avrei preferito non sentire di certi “giochetti” sulle schede nulle da quest’ultimo avanzato…non so voi, ma io mi sono leggermente stufato di questi giochi, in molti ambiti! La chiarezza paga sempre, i giochi alla fine si ritorcono contro.

Nella normalità del mondo, a pagare gli effetti dei giochi sono le persone che li fanno, in questo caso - e da qui la preoccupazione - saremmo noi cittadini.

G.E.

  • Share/Bookmark

I metodi pubblicitari più fastidiosi e inutili del web

la pubblicità è una cosa serie e delicata.
Se in tv possiamo cambiare canale, su un giornale girare la pagina, in rete siamo praticamente ed irrimediabilmente invasi da un sacco di pubblicità che rompe le scatole e basta e che spesso ci inchioda il pc prima di poterla ignorare.

Ecco i metodi più fastidiosi e inutili per farsi pubblicità in rete:

- finestra popup sulla quale o clicchi per chiudere o uscire oppure ti sorbisci la reclame;
- email di spam che non sempre finiscono nell’apposito cestino;
- commenti di spam nei blog. Questi riguarda più che altro noi blogger e la mole di lavoro che dobbiamo fare per smaltire questi messaggi fastidiosi. Colgo l’occasione per dire che i commenti di spam non funzionano, vengono immediatamente bloccati da qualsiasi filtro, quindi non regalate soldi a chi propone questi metodi;
- la pubblicità prima dei video su youtube;
- I tweet su twitter in cui ti viene detto che la tua immagine o simile è stata messa da qualche parte. Solo una perdita di tempo;

Come ripeto, la pubblicità è importante, farla alla cavolo o con questa insistenza è pure controproducente. Io sono per i classici banner, che lasciano ai visitatori la possibilità di scegliere se cliccare o meno, tanto più che questi programmi pubblicitari fanno guadagnare talmente poco, che manco vale la pena impegnarsi troppo.

G.E.

  • Share/Bookmark

La verità sulla vicenda di Fabrizio Corona, tra carcere, ingiustizie e perizie!

La vicenda di Fabrizio Corona mi lascia alquanto titubante.
Oggi, da Canale 5, molti a dire che, dopo quello che ha fatto, non dovrebbe scontare la pena in carcere e che questa è esagerata rispetto a quello che ha fatto. Qualcuno ha anche detto che quanto gli sta accadendo è una vergogna.

Mi sono fatto un’idea molto chiara sulla questione, che è la seguente:

Fabrizio Corona ha sbagliato, sia nell’agire con le foto in mano (questi ricatti con relativo rovinare la vita, come è stato detto, di alcune persone), sia nel tenere un’atteggiamento spavaldo nei confronti di tutti, sia nel tentare la fuga. Deve pagare, ma penso che pagare a spese dello stato sia decisamente troppo, meglio che lui - e altri come lui - se ne stiano agli arresti domiciliari, se possibile.

Ritengo, comunque, sulla base di quanto so, che non sia questa la vergogna in Italia, o comunque la vergogna della giustizia.

Le vergogne sono altre e assai più gravi di punire una persona come Corona. Vergogna è non assicurare nei fatti a tutti i cittadini di essere seguiti da un legale, la vergogna è far pagare le spese processuali a chi già soldi no ne ha, la vergogna è uno Stato che ha firmato una Dichiarazione dei Diritti umani e poi non mantiene quanto ha firmato.

Queste sono le vergogne, non le pene nei confronti di Corona, ma ne riparleremo più avanti.

  • Share/Bookmark